Settore manifatturiero 2021: TRA RECORD E PRESSIONI SUI COSTI

L’indice PMI polacco ha toccato livelli record a Giugno superando quota 59, distaccando di ulteriori 4 punti il record toccato ad Aprile di 53,4. E’ il livello più alto da quando l’analisi venne introdotta nel 1998.

Questo risultato è notevolmente migliore delle aspettative degli economisti che si aspettavano un leggero aumento del PMI polacco a 57,5 punti. Il risultato in aumento sopra i 50 punti va a segnalare una notevole accelerazione del tasso di crescita dell’attività economica nel settore manifatturiero polacco.

Difatti, secondo l’ultima indagine PMI, le condizioni economiche del settore manifatturiero polacco sono migliorate nuovamente, con un ritmo di espansione industriale che per il secondo mese consecutivo ha superato ogni record storico.

La forte domanda interna e la crescente espansione degli ordini esteri ai livelli più alti degli ultimi 7 anni, stanno trainando la forte crescita della produzione per l’indice manufatturiero, con conseguenti implicazioni in diversi aspetti economico sociali.

I livelli produttivi raggiunti quest’anno, record dal 2017, sono frutto di numerose variabili interdipendenti, tra le quali sicuramente il mercato del lavoro.

Un’occupazione record nel manifatturiero dal 2017 ad oggi, strettamente collegata alla crescita della capacità produttiva e degli aumenti salariali conseguenti all’ eccesso di domanda di lavoro a seguito del periodo pandemico, stanno esercitando pressioni importanti sui prezzi.

Infatti, nonostante l’aumento dell’occupazione a uno dei tassi più rapidi nella storia del sondaggio, anche gli arretrati sono aumentanti a un ritmo quasi record e all’aumento sostenuto degli ordini ricevuti si è affiancato anche un allungamento record dei tempi di consegna dei fornitori a causa della carenza di materie prime.

Le imprese segnalano difatti forti pressioni, sia in termini di prezzo dei fattori di produzione che di prodotti finiti, a suggerimento di un’inflazione prevista crescere nei prossimi mesi anche come conseguenza alle difficoltà nelle catene mondiali di approvvigionamento, come le problematiche legate ai semiconduttori. Pertanto, le pressioni sui costi dovrebbero rimanere un fattore chiave alla base dell’elevato IPC in Polonia.

Gli indicatori macro e le vendite retail sempre sopra le previsioni confermano tuttavia un forte slancio nel mercato dei servizi e degli scambi, sostenendo il costante trend di crescita del mercato polacco e delle sue imprese, facendoci augurare il meglio per la ripresa post-pandemica.

ul. Wawrzyniaka 6,
Wrocław 53-022 - Polonia
Tel. +48 717 215 111
Email: segreteria@confindustria.pl

ul. Mickiewicza 29 A piano 10/15,
Katowice 40-085 - Polonia
Tel. +48 322 058 968
Email: katowice@confindustria.pl

2021 © Confindustria Polonia - Privacy | Cookie